Storia & Geografia

Augusto tra auctoritas e gadget: icone, iscrizioni, monete, unitamente ai versi di Virgilio e Orazio, e tutto quello che componeva il vasto sistema propagandistico con al vertice lo stesso Augusto e i suoi esperti di marketing.

Leggi

Ma gli adolescenti non hanno il diritto di vedere del buon cinema? Non devono conoscere? Come spiegare loro la miseria, la fame, la paura, la guerra scritta sui corpi degli europei nel 1945 se tutti gli attori, anche le comparse, sono giovani, sani e bellissimi?

Leggi

Una mostra, a Roma, riapre il dibattito sull’ultima regina d’Egitto

Leggi

Ho letto il libro di Edgardo Franzosini, Sotto il nome del Cardinale (Adelphi, Milano, 2013) tutto d’un fiato, senza neppure chiedermi se fosse davvero un saggio – come in realtà è – oppure un avvincente racconto storico.

Leggi

Allora qual è l’uomo nuovo che la cinematografia è chiamata a divulgare? Qual è, se non è biondo, se non è bello, se non è perfetto, se non può più avere neppure l’aura eroica di una rivoluzione ormai trasformatasi in un regime pieno di gerarchi e gerarchetti e burocrazia?

Leggi

Sulla questione del racconto per immagini dello sterminio pesano come macigni questioni di tipo etico (è giusto mostrare immagini così crude?), epistemologico (cosa raccontano le immagini, fotografie o video, se non un punto di vista parziale, circoscritto, limitato?), storiografico (chi ha prodotto le immagini? perché? quanto è affidabile una fotografia come fonte?).

Leggi

La Dichiarazione afferma il ruolo strategico del sapere geografico per il futuro dell’Europa, in quanto sapere concreto, che fornisce conoscenze e competenze per analizzare affrontare i principali problemi che riguardano il futuro del continente e della vita dei suoi cittadini.

Leggi

È vero, la TV crea icone per il nostro immaginario che si imprimono nelle coscienze degli spettatori. Ma prima delle icone la TV genera un discorso quotidiano fatto di programmi che non sono “edizioni speciali”. 

Leggi

“Questa notte parto per il campo. Ho ricevuto, grazie, ma dammi del tu". Filmati e racconti dalla Prima guerra mondiale.

Leggi

Quando si parla di fonti audiovisive ci si riferisce a documenti di natura estremamente diversa fra di loro, come il cinema, il repertorio televisivo (montato e non), i documentari, i film familiari, tanto per citare le tipologie più ovvie. Ogni fonte presenta problemi di tipo epistemologico differenti.

Leggi

 
Segui La Ricerca
ultimi tweet

Logo Loescher