5
La presente pubblicazione raccoglie e presenta il lavoro svolto sulla certifica-
zione delle competenze in un centinaio di scuole piemontesi impegnate nell’at-
tuazione della Riforma del secondo ciclo.
Ogni processo di rinnovamento necessita di tempi e spazi adeguati, di mo-
menti di studio, di riflessione, di pratica sul campo, ma anche di supporto e mo-
nitoraggio costante.
In Piemonte le attività di accompagnamento alla Riforma sono state inizial-
mente gestite da uno Sportello Unico Territoriale, composto da Dirigenti tecnici
e scolastici, docenti e personale dell’Ufficio Ordinamenti, che ha concretamente
supportato le azioni intraprese. Dopo il primo ciclo di conferenze territoriali è
emersa l’esigenza di incentivare la sperimentazione e la ricerca di buone prassi
del processo di certificazione delle competenze, coinvolgendo attivamente le
scuole.
Tale azione ha comportato un notevole investimento di risorse e i risultati
ottenuti sono degni di considerazione: più di seicento docenti hanno partecipato
ai seminari informativi, centoventi scuole hanno portato a termine il compito
producendo circa duecentocinquanta prove di certificazione delle competenze,
in relazione agli Assi culturali e “tarate” sulle attività effettivamente svolte con
gli studenti.
Ringrazio i docenti, i Dirigenti scolastici e gli esperti che hanno contribuito
alla realizzazione di questa raccolta di contributi e di buone pratiche, che au-
spico possa fornire alle scuole uno stimolo affinché la didattica per competenze,
seguita da una coerente valutazione e certificazione, diventi una prassi consoli-
data contribuendo a migliorare i processi di apprendimento e a rendere traspa-
rente la descrizione delle competenze acquisite.
Francesco de Sanctis
Direttore Generale dell’usr Piemonte
Introduzione
1,2,3,4,5,6 8,9,10,11,12,13,14,15,16,17,...243