Letteratura

Noi insegnanti abbiamo molto da imparare dalla letteratura contemporanea. Un’idea unidirezionale e trasmissiva della comunicazione non è sostenibile: per avere ascolto occorre mettere in gioco la propria voce.

Leggi

Non è solo per rispetto dei diritti del traduttore che il nome di quest’ultimo dovrebbe sempre comparire accanto a quello dell’autore di un’opera letteraria, soprattutto nelle antologie scolastiche. Dovrebbe sempre essere evidente, infatti, quando siamo in presenza di un testo tradotto e, quindi, di un duplice lavoro creativo, messo in atto da due diversi “autori” in due momenti diversi della storia.

Leggi

Ho parlato in una precedente rubrica di biblioteche digitali. Prendo ora in esame la questione molto più spinosa della consultazione in digitale delle riviste scientifiche negli Stati Uniti, in Europa e in Italia.

Leggi

Ci sono convergenze e interessi comuni (ma anche alcune differenze) fra scienze fisiche-naturali e scienze umane in materia di strumenti di lavoro. Penso in particolare al grande sviluppo che sta prendendo la consultazione digitale dei libri nelle biblioteche di tutto il mondo.

Leggi

Riccardo Donati, Nella palpebra interna. Percorsi novecenteschi tra poesia e arti della visione, Le lettere, Firenze 2014. Una recensione.

Leggi

"C’era un paese dove erano tutti ladri. La notte ogni abitante usciva, coi grimaldelli e la lanterna cieca, e andava a scassinare la casa di un vicino. Rincasava all’alba, carico, e trovava la casa svaligiata".

Leggi

Di Paolo si riconosce la libertà di imparare da chi vuole, fidandosi innanzitutto del proprio istinto. Poi, una volta scelto il proprio maestro – sia esso un film, un libro o una persona – è il momento di mettersi in ascolto, senza superficialità, con leggerezza, cercando di resistere fino alla fine dello spettacolo.

Leggi

Una lettura dell’ultimo romanzo di Sebastiano Vassalli.

Leggi

Un momento di divertimento e di allegra, intensa partecipazione alla vita della scuola: ecco cosa rappresenta il Premio di lettura dantesca indetto dalla casa editrice e giunto a conclusione in questi giorni. Un bilancio della seconda edizione.

Leggi

#altrinoi #primepenne 
"Essere scrittori" non significa necessariamente essere grandi scrittori. Per questo occorre avere un'idea della letteratura e del suo ruolo nel mondo.
Non accade spesso di incontrare grandi scrittori. Quando succede, però, ci si sente fortunati e gratificati. Soprattutto se il "grande" ha 15 anni.

Leggi

 
Segui La Ricerca
ultimi tweet

Logo Loescher