72
La ricerca /
N. 5 Nuova Serie. Marzo 2014
Scuola /
Quando lo sport diventa integrazione
Quando lo sport
diventa integrazione
L
o spirito del movimento Special Olympics è ben espresso dal giuramen-
to dell’atleta: «Che io possa vincere, ma se non riuscissi, che io possa
tentare con tutte lemie forze».Special Olympics è un programma inter-
nazionale di allenamenti e di competizioni per persone con disabilità
intellettiva,unprogramma chenonmiraunicamente allaperformance
sportiva,ma a una completa integrazione sociale dell’individuo.
Il movimento è nato negli Stati Uniti nel 1968 a opera di Eunice Kennedy, sorella di
JohneBobKennedy,che per la sua storia familiare fuparticolarmente sensibilenei con-
fronti della disabilità.Oggi Special Olympics è riconosciuto dal CIO (ComitatoOlimpico
Internazionale) e i suoi programmi sono adottati in quasi tutti i Paesi del mondo. In
Italia,Special Olympics è presente da circa trent’anni ed è un’Associazione benemerita
del CONI e del CIP (Comitato Italiano Paraolimpico).Le discipline praticate sono nuoto,
atletica leggera,bocce,calcio,equitazione,ginnastica artistica e ritmica,pallacanestro,
tennis, bowling, golf, pallavolo, sci alpino, sci nordico, corsa con le racchette da neve e
snowboard.Il progetto “Prova lo Sport!” sperimenta anche badminton,mountain bike,
tennistavolo e rowing. Gli atleti si confrontano nelle manifestazioni locali, nei Giochi
nazionali, nei Giochi europei e nei Giochi mondiali estivi e invernali.
Negli ultimi anni Special Olympics Italia ha attivato una dinamica collaborazione
con le scuole, al fine di coinvolgere i giovani con e senza disabilità intellettiva nel-
Special Olympics è il programma di allenamenti e competizioni
che coinvolge persone con e senza disabilità intellettiva. Ecco l’esperienza
dei “ragni” dell’Istituto magistrale di San Giovanni Valdarno.
di Team Spiders
Cerimonia di
apertura dei
Giochi Nazionali
Invernali Special
Olympics 2014.
(Credit: www.
specialolympics.
org).
1...,62,63,64,65,66,67,68,69,70,71 73,74,75,76