Come ogni anno, Giffoni si appresta a diventare il palcoscenico mondiale del cinema per ragazzi. Dal 18 al 27 luglio, la cittadina campana, che ha ormai legato indissolubilmente il suo nome alla settima arte, ospiterà la 44esima edizione del Giffoni Film Festival.

Nato nel 1971 da un’idea di Claudio Gubitosi, in questi decenni il festival ha percorso molta strada, affermandosi come uno dei più importanti appuntamenti del cinema per ragazzi e proseguendo il cammino verso una sempre maggiore internazionalizzazione.
Pensato per promuovere e far conoscere il cinema giovanile, il festival ha avuto il grande merito di portare in primo piano un “genere” tradizionalmente marginale e poco valorizzato, anche dai media. Alcune scelte di fondo si sono rivelate vere intuizioni, capaci di determinarne l’affermazione e il continuo successo della manifestazione. In primo luogo le giurie composte da soli ragazzi, per enfatizzare il ruolo attivo e partecipativo dei giovani spettatori nella scelta delle opere in concorso da premiare. Dunque non solo un festival dedicato al cinema per ragazzi, ma in cui sono loro i veri protagonisti, coinvolti e responsabilizzati nella valutazione dei film: non solo pubblico, ma il vero centro del festival. Partecipano alla visione in sala, discutono del film dopo la proiezione, con il coordinamento del preparatissimo staff di Giffoni, e si riuniscono in giurie per valutare e scegliere i vincitori.
Nel corso degli anni il numero dei ragazzi cha partecipano al festival come giurati è cresciuto fino a raggiungere quota tremilacinquecento.
Provenienti da cinquanta diversi paesi di tutti i continenti del mondo, trasformano il Giffoni in un’indimenticabile e straordinaria esperienza di vita e di amicizia: il cinema diventa un elemento di condivisione che unisce, facilita il dialogo tra culture, amplia le conoscenze personali e gli orizzonti del pensiero.


I ragazzi delle giurie sono di età compresa tra i 3 e i 18 anni, divisi per fascia d’età nelle sei sezioni del concorso ufficiale: Elements +3 (3-5 anni), Elements +6 (6-9 anni), Elements +10 (10-12 anni), Generator +13 (13-15 anni), Generator +16 (16-17 anni), Generator +18 (dai 18 anni in su) e Masterclass (18-25), una sezione speciale dedicata alle lezioni di cinema.
In oltre 40anni di attività il festival ha ospitato registi e attori di fama mondiale, che hanno dato lustro alla manifestazione e offerto testimonianze dirette dal mondo del cinema. François Truffaut, Robert De Niro, Oliver Stone, Maryl Streep, Jeremy Irons, Wim Wenders, Krzystof Kieslowsky, Roman Polanski, Naomi Watts, Winona Ryder, Susan Sarandon sono solo alcuni dei nomi delle star transitate da Giffoni.


giffoni

Il festival si è imposto soprattutto grazie alla competenza e sensibilità nella scelta dei film in programma. La manifestazione è il momento conclusivo di un attento processo di analisi del panorama mondiale del cinema per ragazzi. I film selezionati per il festival sono realizzati da grandi registi o da interessanti autori emergenti – tutte opere di grandi produzioni a livello mondiale – e grande attenzione è rivolta ai temi trattati dai film, sempre significativi, a volte delicati. Temi che vengono poi discussi e sviluppati dopo le proiezioni, sotto la guida dello staff del festival. Grazie a questo straordinario lavoro, Giffoni si è affermato come un vero marchio di garanzia, di qualità e adeguatezza dei film per ragazzi. L’edizione di quest’anno vedrà in concorso 163 opere, selezionate tra 3700 produzioni di 82 paesi. Handicap, amicizia, amore tormentato, differenze economiche e sociali, omosessualità e incomunicabilità genitori-figli: queste le tematiche affrontate dai film selezionati, e discusse dai i ragazzi in base all’età.

Alessio Turazza

Consulente nel settore cinema e home entertainment, collabora con diverse aziende del settore. Ha lavorato come marketing manager editoriale per Arnoldo Mondadori Editore, Medusa Film e Warner Bros.
 
Segui La Ricerca
ultimi tweet

Logo Loescher