Autore

Riccardo Donati

Docente e saggista, insegna all'Università di Urbino "Carlo Bo"; tra i suoi lavori più recenti ricordiamo "I veleni delle coscienze. Letture novecentesche del secolo dei Lumi" (Bulzoni, 2010), "Le ragioni di un pessimista. Bernard Mandeville e la cultura dei Lumi" (ETS, 2011), "Nella palpebra interna. Percorsi novecenteschi tra poesia e arti della visione" (Le Lettere, 2014), "Critica della trasparenza. Letteratura e mito architettonico" (Rosenberg & Sellier, 2016), "La musica muta delle immagini. Sondaggi critici su poeti d'oggi e arti della visione" (Duetredue, 2017). Si occupa di letteratura europea tra Sette e Novecento e di poesia italiana contemporanea, con interventi in volume e in rivista; nel 2013 l'Accademia Nazionale dei Lincei gli ha attributo il "Premio Giuseppe Borgia" per i suoi contributi sulla poesia.

In un testo ibrido che miscela storia culturale, spunti da pamphlet e una profonda erudizione, Luciano Curreri ripensa la lezione di uno degli eventi-chiave della storia europea.

Leggi

Un libro analizza sei romanzi, ultimi discendenti di un sistema-mondo letterario a suo modo classicamente letterario-centrico che si sta avviando alla scomparsa.

Leggi

Il mistero come chiave per interrogare l'esistenza in tutta la sua ampiezza: sull'ultimo libro di Mark Fischer e sulle due categorie che indaga, il weird e l'eerie.

Leggi

Un saggio di Scuderi ricostruisce la genealogia del primo libertinismo europeo, tradizione di pensiero oggetto di un secolare pregiudizio denigratorio e che invece ha ancora molto da insegnare al nostro tempo.

Leggi

Daniela Brogi rilegge I Promessi Sposi mostrando la tensione visiva e la componente etico-religiosa, nonché la cocente, intrinseca attualità.

Leggi

La storica rivista di fumetti si rilancia mantenendo l'antica vocazione di antologia della letteratura grafica di ogni epoca e paese. E non solo.

Leggi

Libretto di transito di Franca Mancinelli ci mostra uno dei possibili esiti della scrittura di oggi: quello di una voce pudica ma risoluta, costruita per sottrazione.

Leggi

La raccolta Le buone maniere Marco Simonelli è un libro in bilico tra memoria e riflessione, sorriso e struggimento, rappresentativo di una generazione cresciuta all’ombra di padri benestanti e zie sfiorite.

Leggi

Aprile 1975: Caproni cura, alla radio, “Il Girasole”, rubrica attraverso la quale presenta agli ascoltatori un florilegio della letteratura mondiale. Oggi un libro ci restituisce i materiali di quell'esperienza.

Leggi

Con “La stanza profonda”, Santoni offre un ritratto della generazione dei quarantenni da una prospettiva inedita, affidata all'esperienza del gioco di ruolo.

Leggi

Una «biografia iconico-letteraria bifronte»: così si presenta "Pavone e rampicante" di A. S. Byatt, libro dedicato alle “vite parallele” di Fortuny e di Morris.

Leggi

Un sottile conoscitore della nostra letteratura d'inizio Novecento, Andrea Pellegrini, recupera La storia del mio funerale di Guido da Verona, una chicca di quasi cento anni fa.

Leggi

"Parigi è un desiderio" è un libro divertente e impietoso sulla capitale francese come fonte di generose illusioni e focolaio di quotidiane miserie e un romanzo sulla soggettività informe e precaria d'un intellettuale d'oggi.

Leggi

Molte tra le migliori voci della poesia italiana provengono dalle Marche: Cristina Babino ne ha raccolte alcune.

Leggi

Ritratto/autoritratto di Michele Mari in 90 immagini.

Leggi

Dal «Punch» ai Simpson e «Topolino», vignette e caricature ci parlano non solo del controverso statuto della modernità, ma anche dell'ambigua natura del genere satirico.

Leggi

Bryan Cranston è Dalton Trumbo in un film divertente e potentemente metacinematografico, che è soprattutto una riflessione sul fragile equilibrio tra democrazia e libertà.

Leggi

Il nuovo libro di Antonio Tricomi interpreta i film come dispositivi estetici ed ermeneutici attraverso cui comprendere uomini, idee, fatti e fantasmi della modernità.

Leggi

Stanley Milgram, una figura che non smette di parlare alla nostra contemporaneità, nell'ultimo film di Almereyda.

Leggi

La radice operativa e pratica della poesia: Montale, Sereni, Caproni.

Leggi

Ventuno liriche di poeti scozzesi scritte in risposta a ventuno testi dell'Allegria ungarettiana, il tutto corredato da altrettante immagini di importanti opere d'arte contemporanea. Recensione di un volume luminoso.

Leggi

Ritratto di Toti Scialoja di Eloisa Morra: attraversamento di una delle figure più originali ed eclettiche del Novecento italiano.

Leggi

«Povero aldilà, grande aldilà di luce e plastica». Lo sguardo di Zanzotto sul cinema e il rapporto con Fellini e "altri rari"

Leggi

Nel saggio "La galleria interiore dell'Ingegnere" Manuela Marchesini esplora i confini labili e seducenti del “teatrino visuale gaddiano”, fortemente debitore della lezione di Roberto Longhi.

Leggi

La terza via di Luigi Ghirri, «uomo normale, ma pensante», e di Gianni Celati: "visione naturale" e "narrare naturale", in un sodalizio che accomuna i due artisti nei rispettivi ambiti creativi.

Leggi

Alla scoperta di un autore che «parla di tutto», «di se stesso, della propria vita, di quel che sa, di quel che pensa, di quel che ha fatto e di quel che non ha fatto, perché non ha voluto o perché non è riuscito a fare, e di chi ha conosciuto».

Leggi

«Mi è sempre piaciuta la posizione che assume», disse una volta Francis Bacon indicando una foto di Marilyn Monroe. In un trittico di studi apparsi da Einaudi uno dei più celebrati scrittori contemporanei, Jonathan Littell, si misura con i segreti dell'arte di Bacon.

Leggi

«Le immagini bisogna saperle leggere: uno dei guai del nostro tempo, e forse il più grande, è di essersi votato alle immagini dimenticando la lettura». Questo monito di Leonardo Sciascia, più attuale che mai, fa da viatico a un denso saggio di Maria Rizzarelli. Una recensione di Riccardo Donati

Leggi

Logo Loescher