Autore

Giulio Bizzaglia

Sociologo dello sport, docente di Sociologia Generale e dello Sport, Università di Roma-Tor Vergata e docente di Metodi e Tecniche per la Ricerca Sociale, UCSC Roma.

Il caso Boateng insegna, almeno lo si spera. Ora è necessario che seguano atti concreti, reali, partecipati. Perché sugli spalti di Busto Arsizio sono riecheggiati gli stessi “buuu” che si sentono, purtroppo, in tanti altri luoghi dello sport, a ogni livello di competizione, persino nelle palestre scolastiche.

Leggi

Logo Loescher